LA STORIA

GLI ALBORI – Corre l’anno 1952, quando in riva Lemene, un gruppo di appassionati, che vedono alla presidenza uno dei medici del paese, il dottor Italo Meneghetti, fondano l’AC Julia. Maglie gialle, la neonata società trova casa sul campo dell’Oratorio S. Stefano ed inizialmente viene affiliata al Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia.

LA PRIMA FORMAZIONE – Marco Gaiarin, Pietro Donadon, Giorgio Bergamo, Marco Flaborea, Giuseppe Fiorin, Antonio Furlanis, Dino Vignandel, Giovanni Bortolussi, Giovanni Furlanis, Giovanni Santesso, Luigi Zanotel, Natale Furlanis, Davide Furlanis, Domenico Bergamo, Giannino Fiorin, Mario Furlanis, sono la prima storica formazione dei “canarini” di Concordia, così venivano soprannominati.

Le prime due stagioni sono una marcia trionfale. I concordiesi volano in Promozione Friulana.


SECONDA DIVISIONE 1952 – 53

JULIA25
ARBA22
DON BOSCO21
AZZANESE14
FIUME VENETO10
TORRE10
SACILESE B4
MANTENGA4

PRIMA DIVISIONE 1953 – 54

JULIA33
BASILIANO30
SGUERZI FOSSALTA30
CASARSA29
MANIAGO27
DORIA23
SAN DANIELE20
SANVITESE19
CORDOVADO18
CODROIPESE13
VALVASONE11
FAGAGNA10

In Promozione, la Julia si consolida tra le formazioni di medio alta classifica, salvandosi sistematicamente senza alcun affanno, sino al campionato 1956 – 57, al termine del quale i canarini” si piazzeranno in una onorevole nona posizione. L’anno successivo segna l’introduzione, da parte della Figc, del Campionato Dilettanti, il massimo torneo a livello regionale, al quale i “canarini” partecipano con buoni propositi. Tuttavia, nonostante le speranze, la stagione si rivela un autentico calvario. Solo nove punti conquistati nell’arco dell’intero torneo e retrocessione già segnata alla fine del girone d’andata.

CAMPIONATO DILETTANTI 1957 – 58

S.S. SANGIORGINA55
A.C. PIERIS53
A.S. PRO FIUMICELLO49
U.S SPILIMBERGO44
A.S AZZANESE38
S.A.S. CASARSA36
U.S. GRADESE35
U.S ISONZO EDERA TURRIACO35
A.C. SGUERZI FOSSALTA P.RO34
A.S. TRICESIMO34
A.S SAN GOTTARDO (UD)34
A.S. AQUILEIA33
U.C. PRO CERVIGNANO31
S.P. AIELLO30
A.C. POZZUOLO22
U.S SANVITESE19
A.S. STABILIMENTI INDUSTR. CORDENONS18
A.C. JULIA9

L’ERA DEL COMM. ACHILLE SANDRON

Con la presidenza dell’impresario edile, Comm. Achille Sandron, il calcio concordiese compie il salto di qualità. Cambiano i colori sociali, che diventano nerazzurri, mentre la società viene iscritta ai campionati veneti. Inizia la scalata che porterà la squadra a disputare il campionato di Eccellenza, sino a sfiorare l’allora Quarta Serie, persa in uno sfortunato spareggio al termine della stagione 71-72. Sandron rimane alla guida dei nerazzurri sino al 1984, vedendo passare sul campo dell’Oratorio fior di giocatori ed allenatori di prim’ordine, vedi gli emergenti Bozao e Burlando, lanciando anche mister Silvano Neri, che nel ruolo di giocatore allenatore portò la squadra al terzo posto nel torneo di Promozione 1979-80, alle spalle di Opitergina e Pievigina, realtà all’inizio di una scalata che in pochi anni le avrebbe viste volare in C2.

PROMOZIONE 1979 – 1980

squadrep.tigvnpgfgs
OPITERGINA4630181023816
PIEVIGINA4230161043921
JULIA353013983426
PORTOGRUARO3230111094332
PELLIZZARI VEDELAGO3230101282319
FIESSO D’ARTICO3130119103330
SAN DONA’303091293635
MIRANESE293081391823
BELLUNO273061592325
VITTORIO VENETO273061591921
PRO MOGLIANO2730713102733
ROSADA SAN FIOR2630810122532
MURANESE2530613112634
MARTELLAGO243088142231
EUROPEO CESSALTO2430612122340
EXPOMOBILI2330317102536

GIOVANI AI VERTICI NAZIONALI

Difficoltà aziendali, costrinsero Sandron a passare la mano ad una cordata d’imprenditori locali, con al vertice l’albergatore Falcon. La seconda metà degli anni 80’ è sostanzialmente interlocutoria per quanto riguarda la prima squadra, con un continuo sali e scendi tra Promozione e Prima Categoria. La nuova società si concentra in modo particolare sul settore giovanile affiliandosi all’Inter, arrivando nel 1985 anche a giocarsi la finale nazionale dilettanti del campionato Giovanissimi, persa contro l’Almas Roma. In panchina c’era un emergente Gianni Vio, di Mestre, in seguito diventato “lo stratega delle palle inattive”, partito da Concordia, per essere, dopo una adeguata gavetta, inseguito dai club di mezza serie A. Tuttavia, gestioni onerose oltre le possibilità economiche del momento, portarono la società sull’orlo del fallimento.


ARRIVA GIANNI BARUZZO

A salvarla è Gianni Baruzzo, il presidente che nel 1981, nella frazione del Paludetto, aveva contribuito in modo sostanziale alla fondazione della Sagittaria, la seconda anima del calcio concordiese. Insediatosi nel 1989, anno dopo anno, Baruzzo costruisce un autentico dream team guidato da mister Agostino Flaborea. La Julia conquista due promozioni consecutive, ritrovando il campionato d’Eccellenza in un entusiasmante spareggio con il Vittorio Veneto, disputato ad Oderzo, in uno stadio Opitergium quasi esaurito, finito ai rigori dopo l’ 1 – 1 dei tempi regolamentari. L’eroe di giornata, in libera uscita dal servizio militare, sarà il giovanissimo portiere Luca Pauletto, il quale ipnotizzerà letteralmente i rigoristi avversari, entrando di diritto nella storia del calcio concordiese. I nerazzurri chiudono una stagione da incorniciare con l’ulteriore ciliegina rappresentata dalla conquista del titolo regionale di categoria.

PROMOZIONE “Girone D” 1991 – 92

squadrep.tigvnpgfgs
JULIA4030151054026
VITTORIO V.TO403016863115
CORNUDA3730131162517
PORTOSUMMAGA3630121263019
GEMEAZ S. POLO3530121174124
FELTRESE3530101552413
JESOLO3330101372723
PORCELLENGO313091383428
CORDIGNANO303081482925
GORGHENSE293061772631
PONTE ALPI2730811112741
LA MARENESE263051692227
TREVISO 902330611132138
ZENSONESE2230512131129
RIPA PEDAVENA1930313141430
LIBERTAS CEGGIA1730213151733

ECCO DORINO PONTELLO

Dorino Pontello

L’anno successivo, la formazione nerazzurra si salva con largo anticipo. Con qualche acquisto di categoria, la squadra sarebbe pronta per il gran salto, ma la sopraggiunta crisi della propria azienda costringe il presidente Gianni Baruzzo a ridimensionare i programmi. Dopo una miracolosa salvezza sul filo di lana firmata da Silvano Neri, recuperando ben sei punti nelle ultime giornate alla Liventina, seppur a malincuore, per forza di cose deve cedere la società. Dopo un’estate particolarmente travagliata, la rileva, a pochi settimane dall’iscrizione, Dorino Pontello. Ma il tempo è tiranno, qualche big preferisce accasarsi altrove. Di conseguenza, la campagna acquisti non sarà adeguata al livello della categoria. Il campionato 1994-95 si rivelerà un’autentica agonia che si concluderà con l’inevitabile retrocessione. Negli anni successivi, si cerca l’immediata risalita, ma senza fortuna. Nel torneo 1998-99, Pontello si affida a mister Mauro Tossani, reduce da una sfortunata esperienza in C2 con il Sandonà. La squadra viene ringiovanita con l’inserimento di un buon numero di Berretti sandonatesi, forse troppo, perché pecca in esperienza. Pur sciorinando un calcio piacevole, deve dire addio al campionato di Promozione. Nonostante la retrocessione in Prima Categoria, l’era Tossani non s’interrompe. Andando controcorrente, il tecnico viene confermato da Pontello. La scelta darà ragione al Presidente, perché dopo un solo anno di purgatorio, la Julia festeggia l’immediato ritorno in Promozione. 


LA FUSIONE

Dopo una stagione di transizione, a salvezza acquista con largo anticipo, anche Pontello medita di lasciare. All’orizzonte non vi è alcun imprenditore intenzionato a subentrare. La squadra sembra destinata ad essere consegnata nelle mani del sindaco Cesare Valerio, così il Comune spinge con decisione per arrivare alla fusione tra le due realtà calcistiche concordiesi. La Sagittaria, nel frattempo, è cresciuta in maniera esponenziale, arrivando alla fine degli anni ‘90 a calcare i campi della Promozione, guidata da mister Rossano Padovese, un condottiero di razza. La scalata dei biancoazzurri è il logico frutto di una perfetta organizzazione, incentrata sulla valorizzazione del proprio vivaio. Ma anche le favole hanno una fine. La Sagittaria retrocede nuovamente in Prima Categoria dopo il complicato torneo del 1999 – 2000. Al timone della società del Paludetto, rilevando la massima carica da Adelmo Gobbato, si era insediato Eddio Molent, imprenditore ambizioso e grande appassionato del pallone, che aveva provato invano il ritorno immediato in Promozione.  Con  la Sagittaria economicamente in saluta, ma rimasta in Prima Categoria, la Julia, invece, nel campionato superiore, ma senza un presidente, la fusione è presto fatta. Molent acquista la Julia e nella stagione 2001-02 nasce la SagittariaJulia con l’obiettivo immediato di ritornare in Eccellenza. Sarà Nerino Barel il tecnico della promozione, centrata dopo una straordinaria cavalcata al termine del campionato 2002-03.

PROMOZIONE “Girone D” 2002 – 03

squadrep.tigvnpgfgs
SAGITTARIA JULIA683020825423
VALDOSPORT573017675325
SAN MARTINO COLL533015874126
GRUARO4530111273735
GASPARINI ISTRANA4430111183536
VITTORIO VENETO4230119104541
LA MARENESE40301010102329
BREDA J.D.S.3830108122933
CODOGNE’373081393234
PRO MOGLIANO3730114153742
ATLETICO 973730107133141
CAVARZANO O.3630106143849
FONTANELLE333089133037
LIVENTINA GOR.333089132736
GODEGAIARINE283077163950
Z.T.L.L SINISTRA PIAVE253067173347

LA SERIE D, TRAGUARDO STORICO

Conquistata la tanto agognata promozione in Eccellenza, il presidente Molent vuole la serie D, ma nonostante tutti gli sforzi profusi, il sogno non si realizza. Così, il massimo dirigente decide varcare il Lemene, tentanto dall’avventura nel calcio professionistico, attraverso la sponsorizzazione del Portosummaga, lasciando, alla fine del campionato 2003 – 2004, la società nelle mani di Sergio Sutto. L’anno successivo subentrano i F.lli Carnieletto, già impegnati con il Mazzolada, unificando tutto il settore giovanile. A piccoli passi, lavorando in umiltà e senza mai lanciare proclami, Luigino, Renato, Doriano e Natalino riescono nell’impresa. Al terzo tentativo (campionato 2007 – 2008), con in panchina mister Stefano Andretta, al termine di un testa a testa con l’Edo Mestre deciso solamente all’ultima giornata, i concordiesi centrano a Conegliano, grazie ad un’incornata negli ultimi minuti di capitan Dorattiotto, il grande salto in serie D. Un traguardo storico, tutto dedicato al compianto vicepresidente “Vittorino Battiston”, scomparso prematuramente a stagione in corso, completato anche dalla successiva conquista del titolo regionale di categoria. GLI ARTEFICI di questa impresa sono stati: Luca Bellomo, Davide Bertoni (portieri); Alessio Gaspardo, Alberto Segatto, Stefano Pauletto, Tiziano Pettovello, Francesco Falcon, Luigino Sandrin (difensori); Andrea Bompan, Manuel Victor Ortiz Gil, Enrico Villa, Cristian Cervesato, Riccardo Moretto (centrocampisti); Tomas Giro, Stefano Della Bianca, Federico Doratiotto, Andrea Rosson, Fabio Bravo (attaccanti).

ECCELLENZA “Girone B” 2007 – 08

squadrap.tigvnpgfgs
SAGITTARIA JULIA5730151234121
EDO MESTRE563016863725
LIVENTINA GORG.5530151055129
LIAPIAVE4930121353425
GIORGIONE4930131073932
MIRANESE4630121083528
ROMANO D’EZZELINO4530136113226
MAROSTICENSE4130125134238
PONZANO403091383533
UNION C.S.V.3930109113836
DOLO3930109112631
BREDA3630106143339
NUOVA PIOVESE3130710132840
FELTRESE PREALPI3030612123745
FAVARO233065193054
BELVEDERE133034231854

LA CRISI E LA RIFONDAZIONE

Una formazione del 2017 -2018

Viene così scritta una pagina memorabile del calcio concordiese che si chiude dopo quattro annate, con la retrocessione in Eccellenza al termine di un travagliato campionato 2011 – 2012. Eddio Molent, che nel frattempo, a partire dalla stagione 2009 – 2010, era ritornato al timone del calcio concordiese, variandone la denominazione in Città di Concordia, oltre ai colori sociali, passati ad un indigesto bianconero, esce definitivamente di scena. Per il sodalizio si apre un’estate di profonda crisi. Si parla d’iscrivere la squadra in Terza Categoria, ma il titolo viene salvato grazie all’intervento di un ristretto numero di appassionati, con alla presidenza Luigino Canella, vecchia gloria del calcio del Lemene. Nonostante il notevole impegno, si assiste ad una caduta libera. In pochi anni, la Julia Sagittaria sprofonda nuovamente nell’anonimato della Prima Categoria, dove vi rimane sino allo strepitoso campionato 2017-2018, disputato al vertice dalla prima all’ultima giornata, con l’epilogo e la festa promozione sul campo del Bibione. 

PRIMA CATEGORIA “H” 2017 – 18

Squadrep.tigvnpgfgs
JULIA SAGITTARIA693021636327
FOSSALTA PIAVE6430181025422
MARCON4930131073829
ZERO BRANCO493014793828
CAVALLINO4630121085639
BADOERE4530136113532
PONZANO4430128103230
BIBIONE4130101193535
TEAM BIANCOROSSI4030124143942
POSTIOMA3830108125047
CITTA’ DI PAESE3630106143546
PONTE CREPALDO E.3530105154042
S. ELENA3430810123844
CASALE313087153149
TREPORTI263068163753
FOSSALTESE123026222682

STAGIONE 2018 – 2019: DAI PROCLAMI ALLA RETROCESSIONE.

Una formazione del 2018 – 2019

Il ritorno in Promozione non porta, contrariamente alle attese, quell’entusiasmo tanto atteso. I conti non tornano, le risorse sono inadeguate per affrontare gli impegni pretesi dalla categoria superiore. I problemi societari emergono in tutta la sua gravità e sono molteplici, il che porta alcuni dei grandi protagonisti dell’anno precedente a trasferirsi altrove. In tal modo viene ad essere minata anche tutta la campagna di rafforzamento portata avanti dal nuovo direttore generale Giorgio Rizzetto (reduce dalla medesima esperienza a Portogruaro) e dal direttore sportivo Paolo Pestrin, i quali, senza budget, possono fare ben poco per allestire una squadra competitiva. La partenza tra lo scetticismo generale, compreso quello del proprio allenatore Fabio Piva, si traduce ben presto in sconfitte in serie. L’unica ancora di salvezza può essere solamente l’ingresso in società di un nuovo finanziatore, che accanto a maggiori risorse economiche, porti anche in dote quella cultura calcistica mancante in riva al Lemene, indispensabile per un salto di qualità del sodalizio nerazzurro. Ecco che all’orizzonte spunta Renzo Corvezzo, imprenditore trevigiano, già presidente del Treviso in Serie B, il quale si insedia al timone del club. Sembra l’inizio della svolta. I progetti sono di grandi ambizioni, si fanno proclami che danno modi di sognare ai tifosi. L’ambiente si scuote, la squadra incomincia a vincere, tanto che al giro di boa i nerazzurri sono in piena corsa per la salvezza diretta. Tuttavia, una campagna di rafforzamento invernale non indovinata, oltre ad ulteriori problemi economici sopraggiunti, complicano nuovamente il cammino juliense. Il cambio in panchina tra Piva e Moreno Tomasello non sortisce particolari effetti. Alla fine saranno playout con il Lovispresiano. La vittoria per 4 – 3 nel match d’andata illude i concordiesi, che invece si dissolvono sette giorni più tardi, facendosi travolgere per 4 – 1 e retrocedendo in Prima Categoria.

Classifica Promozione “B” 2018 – 2019